L’Attestato di Certificazione Energetica è una dichiarazione redatta da un soggetto chiamato Certificatore Energetico, in genere un geometra oppure un architetto, che attesta la prestazione energetica di un immobile. Tale documento è obbligatorio in caso di compravendita o di locazione dell’immobile, e se si desidera accedere agli sgravi fiscali sul reddito irpef concessi per interventi all’immobile finalizzati a migliorare le sue prestazioni energetiche. Anche nel caso di annunci immobiliari, pubblicizzati in rete o attraverso la carta stampata, è obbligatorio indicare la classe energetica dell’immobile proposto in vendita. L’ACE ha una durata di 10 anni, ma è necessario che venga rinnovato prima della scadenza di tale termine nel caso vengano effettuati interventi di importanza tale da modificare in maniera significativa l’efficienza energetica dell’abitazione. I prezzi delle certificazioni energetiche costo varia in base alla regione ed alla tipologia di edificio, e va, in genere, da un minimo di 150€ ad un massimo di 350€. Prima di affidare l’incarico di redigere tale attestato ad un tecnico qualsiasi, è opportuno verificare che possieda i requisiti professionali definiti dal Regolamento 75/2013, che garantisce la qualificazione e la indipendenza dei soggetti addetti ad effettuare le certificazioni energetiche.
La documentazione riporta diversi dati, tra questi la prestazione energetica globale dell’immobile, cioè quanto è il consumo annuo, espresso in kwh per metro quadrato, per il riscaldamento, il raffreddamento e la produzione di acqua calda sanitaria; la quantità di anidride carbonica emessa e l’energia trasportata. Il certificatore è obbligato ad effettuare un sopralluogo per raccogliere tutti i dati con i quali provvederà poi ad eseguire una diagnosi energetica e ad elaborare quale sarà il fabbisogno energetico dell’edificio e la sua classe energetica. La normativa è stata da poco aggiornata: è stato unificato a livello nazionale il metodo di calcolo della classe energetica; è stata costituita una banca dati nazionale per raccogliere tutte le certificazioni energetiche, a cui possono avere accesso anche i privati cittadini, per via telematica; il numero delle classi energetiche è passato da 7 a 10. L’introduzione della obbligatorietà dell’ACE ha come scopo il miglioramento della trasparenza nel mercato immobiliare; un acquirente, oppure un locatario, attraverso le informazioni contenute nel certificato energetico, può effettuare una scelta più consapevole della casa da acquistare.